Il rinvaso

è sicuramente l’operazione più importante e la più delicata nella coltivazione di un bonsai. Da questo intervento dipende il futuro sviluppo della pianta, quindi, è buona norma, prima di rinvasare un bonsai, raccogliere tutte le informazioni sulla pianta e soprattutto scegliere il periodo adatto. Ricordate che un rinvaso effettuato correttamente ma nel momento sbagliato, può provocare la morte del bonsai; mentre, un rinvaso eseguito anche in modo approssimativo ma nel periodo giusto, ha maggiori possibilità di successo. In generale il momento migliore per rinvasare un bonsai coincide con il periodo di riposo che precede la stagione vegetativa. Scegliere il vaso: La scelta del vaso può essere una questione “botanica” o “estetica”, infatti se si vuole far crescere il bonsai, andrà cambiato il vaso con uno più grande; se il bonsai è già della misura voluta ed il vaso è proporzionato alla pianta, andrà lasciato il vaso originale oppure sostituito con uno delle stesse dimensioni La scelta del vaso dal punto di vista estetico (forma, colore, decori vari) è una cosa molto soggettiva, lasciamo quindi questa parte alla fantasia del lettore. Trattiamo invece una questione molto importante, ossia la dimensione del vaso. Anche per questo aspetto, cerchiamo di dare qualche suggerimento utile dando delle proporzioni generali.
Se la pianta si estende prevalentemente in altezza, generalmente, la larghezza del vaso deve essere circa i 2/3 dell’altezza dell’albero. Se invece la pianta è più larga che alta, la larghezza del vaso deve essere circa i 2/3 della distanza misurata tra gli apici delle primarie. Se il vaso che utilizziamo è rettangolare o ovoidale, la regola suddetta vale per il lato lungo (quello frontale), mentre per quello corto non ci sono regole precise anche se ovviamente non può essere troppo stretto (in genere il lato corto non è mai meno della metà di quello lungo). Per quanto riguarda la profondità del vaso, essa dovrebbe corrispondere circa al diametro della base del tronco; eccetto se abbiamo a che fare con uno “stile a cascata” dove si utilizzano vasi alti e stretti. Esistono vari tipi di vasi per Bonsai quelli più utilizzati sono larghi e poco profondi, rattangolari o ovali; tuttavia si utilizzano anche quelli quadrati o rotondi che, però, di solito sono più profondi. Si usano anche vassoi piatti e lastre di pietra (molto belli!!) in questi casi la terra si sistema a mo’ di montagnetta e si utilizza del muschio che aiuta a trattenere la terra. Scegliere la terra: La terra ha un ruolo importantissimo nella vita del nostro Bonsai. Il terriccio deve contenere diversi tipo di terreni e a seconda dell’effetto che si desidera ottenere, si dovranno mescolare diversi materiali in diverse proporzioni: Se si desidera un substrato che consenta un alto livello di aerazione e drenaggio si aggiungeranno in quantità maggiore sabbia grossolana, ghiaia setacciata e argilla espansa   Se invece si desidera un substrato in grado di trattenere l’acqua si utilizzeranno maggiormente sfagno, torba, humus, terra e argilla L’assenza di aerazione e drenaggio può causare l’asfissia delle radici mentre la mancanza di terreno che mantenga l’umidità potrebbe far seccare troppo in fretta il terriccio. Inoltre si possono utilizzare anche altri composti che hanno funzionalità diverse:   Mantenere l’acidità: aghi di pino   Arricchire di sali minerali: cenere   Apportare potassio: fondi di caffè, foglie secche   Apportare calcio: gusci d’uovo o ossa macinate (comunemente in commercio) Ovviamente ogni essenza ha le sue esigenze e per questo è importante vedere le schede botaniche specifiche. Tuttavia esistono delle miscele molto usate che possono andare abbastanza bene per molti Bonsai:
Tabella dei tipi di terra

Tipo Terra Sabbia Torba Argilla
    Piante Giovani     20     40     20     20
    Conifere     50     30     10     10
    Latifoglie     60     20     10     10
    Piante da Fiore     40     20     20     20

Inoltre consiglio di aggiungere sempre un po’ di ghiaia setacciata per migliorare il drenaggio (in quantità variabile a seconda della specie coltivata) e, se volete, piccole quantità di cenere, foglie secche, fondi di caffé, gusci d’uovo perchè sono buoni fertilizzanti naturali facendo attenzione però di rispettare il ph della pianta. Eseguire il rinvaso: Per poter assorbire regolarmente le sostanze nutritive, l’apparato radicale deve essere sano e rinnovarsi continuamente, producendo nuove radichette giovani. Deve trovarsi immerso nel terriccio dove le goccioline d’acqua tengono in soluzione i sali minerali. Quando le radici sono da troppo tempo in un vaso sono compresse contro le pareti e quindi l’assorbimento non è più buono; di conseguenza i ritmi vegetativi della pianta diminuiscono esponendola a grossi rischi. Inoltre il Bonsai che vive da tanto tempo nella stessa terra l’ha impoverita di sali minerali e quindi va cambiata. Siamo giunti dunque a un momento molto importante e delicato: il rinvaso. Il rinvaso permette di ringiovanire di continuo l’apparato radicale; così facendo lo spazio disponibile nel vaso, anche se poco, sarà costituito prevalentemente da radici giovani, efficaci nell’assorbire. Ecco svelato il segreto dei Bonsai: mentre in natura molte radici dell’albero invecchiando si trasformano in semplici condutture di linfa, nel Bonsai la maggior parte della zolla conserva la sua funzionalità e quindi diventa un albero grosso anche se ha poche radici in quanto queste provvedono tutte alla nutrizione. Di solito il rinvaso si esegue ogni 2-3 anni alla ripresa vegetativa (primavera o autunno) ma naturalmente dipende dal tipo e dalla varietà di pianta. Vediamo ora passo dopo passo come si esegue un rinvaso: – 1 Preparare la miscela di terriccio adatta al Bonsai da rinvasare (ed eventualmente il nuovo vaso se non lo si vuole riporre nello stesso).  
– 2 Rimuovere il Bonsai dal vaso.
 
– 3 Rimuovere il vecchio terriccio molto delicatamente utilizzando un piccolo bastoncino di legno o di metallo e srotolare la zolla delle radici in modo che siano tutte perpendicolari al terreno.
 
– 4 Tagliare le radici in eccesso (soprattutto quelle periferiche) in modo che rientrino nel vaso e in seguito spolverare le radici con ormoni radicanti o vitamina B.
 
– 5 In proporzione ridurre l’apparato fogliare per ridurre adeguatamente la traspirazione (come si vede nella figura a fianco).
 
– 6 Coprire, se non era già stato fatto, i fori di drenaggio del vaso con delle retine di plastica.
 
– 7 Mettere sul fondo del vaso uno strato drenante (ghiaia o argilla espansa) di 1-2 cm (facoltativo se è già abbastanza drenato il terriccio) a meno che il vaso non sia molto basso.
 
– 8 Mettere nel vaso la terra nuova, avendo cura di creare una piccola montagnola di terriccio nella parte esattamente sottostante a dove sarà posizionata la pianta, in modo da evitare la presenza di cavità di aria sotto la pianta.
 
– 9 Sistemare il Bonsai nel vaso all’altezza desiderata.
 
– 10 completare il riempimento del vaso sempre utilizzando il nuovo terriccio.
 
– 11 Assestare il terriccio dando colpi secchi col palmo della mano sul fianco del vaso e usando un bastoncino per fare aderire meglio le radici alla terra e per eliminare pericolose sacche d’aria (non comprimere il terriccio con le mani).
 
– 12 Decorare con sassi e muschio (facoltativo).
 
– 13 Innaffiare abbondantemente il terriccio.
 
– 14 Tenere regolarmente umido il terriccio per le 2 settimane che seguono e posizionare il Bonsai protetto dal sole diretto e dal vento, non fertilizzare per 1 mese.
 
Se abbiamo a che fare con un albero di “una certa età” dove la produzione delle nuove radichette è molto lenta non si può eseguire un taglio delle radici drastico come per le piante giovani; in questi casi si usa suddividere idealmente la zolla in più spicchi e ad ogni rinvaso si tagliano, a rotazione, le radici di uno spicchio solo. Se l’albero da rinvasare è molto alto è buona abitudine fissare la zolla con dei fili fatti passare dai fori di drenaggio.


 

Share This

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

 

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.